Pizza con farina Multicereali e Multisemi

impasto
  • Preparazione: 2 ore (lievitazione) + preparazione 30 min
  • Cottura: 20 min
  • Difficoltà: Facile
  • Dosi per: 6/8 persone
DESCRIZIONE
Spesso la pizza impastata con farina multicerali ha una cattiva reputazione. Si pensa, infatti, che questo tipo di pizza possa risultare dura, poco alveolata e che non abbia nulla a che vedere con la pizza bianca che tutti conosciamo e amiamo: soffice e morbida dentro e croccante fuori. Con questa ricetta, vogliamo provare a farti cambiare idea perché mentre la farina bianca è ottenuta da chicchi di grano raffinati e lavorati, la nostra farina è meno lavorata e mantiene gli elementi ricchi di fibre del grano. La farina Multicereali e Multisemi ha anche un indice glicemico inferiore rispetto a quella bianca e aiuta a regolare lo zucchero nel sangue dopo il pasto. Infine, la nostra farina ha un vantaggio nutrizionale maggiore grazie all'aggiunta di tanti cereali e semi che contengono naturalmente diverse vitamine, tra cui folati, riboflavina e vitamine B-1, B-3 e B-5 a livelli molto più elevati.

PROCEDIMENTO

INGREDIENTI

PER IL CONDIMENTO:

  • Salsa di pomodoro q.b.
  • Mozzarella q.b.
  • Un filo di olio a crudo
  • Origano (opzionale)

PROCEDIMENTO

-Impastare a mano o con la planetaria la farina con il lievito precedentemente disciolto in un po’ d’acqua tiepida (ricavata dal totale).

-Continuare a lavorare l’impasto aggiungendo la restante acqua, l’olio e per ultimo il sale.

-Suddividere in panetti del peso voluto e lasciare riposare per circa 20/30 minuti.

-Deporre i panetti sulle teglie precedentemente unte e far riposare per altri 30 min.

-Stendere la pasta e guarnire con polpa di pomodoro.

-Far lievitare per 60 minuti sulle teglie e infornare a 200/220°C.

-Qualche minuto prima che la pizza sia cotta, cospargere la superficie con la mozzarella per pizza e continuare la cottura fino a quando non sarà diventata filante.

-Sfornare la pizza e condirla con un filo di olio a crudo e dell’origano.

CONSIGLIO:

E’ possibile ridurre la quantità di lievito aumentando i tempi di lievitazione.

CONDIVIDI LA RICETTA
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
Torna su